Carrello

Nessun libro nel carrello
Non ci sono libri nel carrello!
Scegli e acquista il libro che fa per te

Zero


Andrea Garbarino
Zero
Collana: Open View
ISBN: 978-88-97950-33-2
Pagine: 352
Mese/anno pubblicazione: aprile 2019
Prezzo di copertina: 12,00 euro

Loading Aggiornamento carrello...

IL LIBRO

In una notte fredda e piovosa un’ombra armeggia sulla lapide di una tomba. Perché proprio quella? Con quale intento? Per conto di chi? E cosa simboleggia l’oggetto d’acciaio lasciato sul fondo della bara disseppellita e spogliata dei poveri resti? Parte dal mistero della salma trafugata d’un bambino, morto in drammatiche circostanze quindici anni prima, la catena di intimidazioni e ricatti che a Chiavenna, una tranquilla cittadina ai confini con la Svizzera, tiene sulle spine due ricche famiglie locali, non proprio irreprensibili.

Per scoprire autore e mandanti della macabra profanazione, che continuano a seminare avvertimenti con i loro sinistri manufatti, Alberico d’Aubry, avvocato gentiluomo, e il suo fido assistente cambogiano si calano in una realtà intessuta di scaltrezze e omertà, giochi sporchi e rancori, rimorsi e pittoresche infedeltà coniugali. Al punto che qualcuno lo vuole eliminare. Finché il vortice di minacce sfocia in una tempesta d’inaudita crudeltà. Solo le intuizioni dei due investigatori, lungo un intreccio reso ancora più godibile da personaggi e dialoghi di grande realismo, riusciranno a bloccare in extremis gli ingranaggi di un progetto criminale orchestrato con diabolica efficacia.
Ambientato in un futuro vicinissimo e assai verosimile, con l’Italia uscita dall’euro e infiammata di nuovi egoismi, anche quest’ultimo thriller di Garbarino guida il lettore tra enigmi, mezze verità e colpi di scena fino a un doppio, sorprendente finale.

Andrea Garbarino ha lavorato come giornalista in quotidiani e periodici nazionali. Ha pubblicato Luz (2006), Gli appartati (2010), I giorni in fila (2013) e Le finestre sul confine (2016), romanzo di esordio dell’avvocato d’Aubry nell’inchiesta sui loschi maneggi d’una ereditiera tra la Valchiavenna e l’Engadina.

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close