Carrello

Nessun libro nel carrello
Non ci sono libri nel carrello!
Scegli e acquista il libro che fa per te

Le finestre sul confine


Andrea Garbarino
Le finestre sul confine
Collana: Open View
ISBN: 978-88-97950-27-1
Pagine: 320
Mese/anno pubblicazione: maggio 2016
Prezzo di copertina: 12,00 euro
Leggi un estratto

Loading Aggiornamento carrello...

IL LIBRO

Dopo l’uscita dall’euro, nel 2022 l’Italia è al culmine di una crisi economica e sociale che ha portato masse impoverite a scendere in strada, a occupare case ed espropriare negozi. In una Milano colpita da un attentato alla metro, la ricca borghesia liquida tutto e fugge all’estero. Intanto a Chiavenna, una tranquilla località vicina al confine svizzero, dove bivaccano i profughi di lusso in fuga verso l’Engadina, una facoltosa ereditiera del posto scompare nel nulla. E una catena di inspiegabili delitti insanguina la valle.
Dall’autore di Luz e Gli appartati, la prima indagine di Alberico d’Aubry, l’avvocato gentiluomo che detesta i prepotenti. L’avvocato milanese Alberico d’Aubry è un prestante settantenne specializzato nell’accomodare con discrezione le dispute dell’alta società.
Uomo tutto d’un pezzo, ma incalzato da un’imbarazzante accusa che riemerge dai suoi trascorsi sessantottini, l’attempato investigatore non mollerà la presa fino alla scoperta di una sconcertante verità.
In questo suo nuovo romanzo Garbarino ci offre momenti d’azione e di potente realismo, cui si intrecciano pennellate sull’avidità dei più abbienti e pagine di autentico umorismo sugli effetti collaterali dell’età che avanza.
Un noir che compone scenari metropolitani tutt’altro che improbabili, presagendo il collasso di un sistema incapace di creare equità. E nel quale i confini geografici, ma soprattutto etici, diventano permeabili alle peggiori ambizioni.

Andrea Garbarino (Milano, 1948) ha lavorato come giornalista in numerose testate nazionali. Ha pubblicato Luz (Tropea, 2006), storia del complotto cubano di due svitati per uccidere Fidel Castro, Gli appartati (Tropea, 2010), ambientato tra Buenos Aires e la Patagonia, e I giorni in fila (La Linea, 2013), un giallo a sfondo storico che si snoda in Liguria. Dopo Le finestre sul confine, il suo nuovo romanzo, Zero (2019), segue passo dopo passo la nuova indagine dell’avvocato d’Aubry sui misteri legati alla scomparsa dei resti di un bimbo dal cimitero di Chiavenna.

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. .

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close